Come il movimento del commercio equo e solidale ha fatto la differenza nella mia vita e nella vita dei giovani ovunque

Stile

'Potresti spendere mensilmente in cappotti fast fashion provenienti da fabbriche non sicure e di sfruttamento in Bangladesh, oppure puoi acquistare un pile Patagonia certificato Fair Trade che garantisce ai lavoratori un salario equo in un ambiente sicuro'.

Di Camila Rice-Aguilar

15 gennaio 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Per gentile concessione di Camila Rice-Aguilar
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

In questo editoriale, la studentessa Camila Rice-Aguilar riflette sull'impatto globale del movimento del commercio equo e solidale.



L'odore del terreno appena girato e l'aria frizzante della montagna mi accompagna mentre cammino lungo il sentiero per una piccola fattoria di legno, nel verde della campagna domenicana. Stiamo visitando Luz Martinez, un coltivatore di cacao e leader della comunità, che ci accoglie con un caloroso sorriso e un bacio sulla guancia. Presenta sua figlia Yolanda, a soli 18 anni, che sta iniziando il suo primo anno di scuola medica. Ci invitano a casa loro per caffè e biscotti, e Luz mi dice che non avrebbe mai immaginato di vedere sua figlia diplomata al liceo, tanto meno frequentare l'università.


In quanto madre single con un'istruzione di primo livello, Luz ha lavorato instancabilmente nella sua piccola fattoria di cacao per offrire un futuro migliore ai suoi figli. Anni fa, ha aiutato a organizzare una cooperativa del commercio equo e solidale e ha iniziato a vendere i suoi semi di cacao a una società americana di commercio equo e solidale a un prezzo molto più alto di quello che normalmente potrebbe fare con le normali società. Luz non solo ha significativamente migliorato le sue entrate, ma ha anche sviluppato nuove competenze in agricoltura sostenibile ed è diventata una delle poche donne leader nella Repubblica Dominicana. Il commercio equo e solidale ha aiutato Luz e la sua comunità agricola a creare un programma di borse di studio per sostenere i propri figli attraverso il liceo e l'università. Questo ha cambiato le loro vite per sempre.

Queste sono le storie che ho sentito di prima mano da lavoratori come Luz nelle fattorie e nelle fabbriche di tutto il mondo. Produttori come Luz mi hanno risvegliato al tangibile impatto del commercio equo nel migliorare la vita e proteggere l'ambiente, ma soprattutto ho scoperto il potere delle semplici azioni quotidiane della gente comune e il modo in cui ognuno di noi può avere un impatto.


politica dei capelli neri

Un piccolo retroscena sul movimento del commercio equo e solidale: il commercio equo e solidale è iniziato come risposta a gravi problemi internazionali del lavoro e danni all'ambiente a seguito di pratiche aziendali irresponsabili. È nato dal fatto che i lavoratori meritano una retribuzione equa e un posto sicuro in cui lavorare, che i lavoratori non richiedono agli occidentali un complesso salvatore per donare loro carità, ma per potenziarli in un sistema di mercato che li ha storicamente sfruttati.

Per gentile concessione di Camila Rice-Aguilar

Le organizzazioni di certificazione del commercio equo e solidale assicurano che le aziende aderiscano a standard rigorosi come il pagamento di salari equi, il miglioramento delle condizioni del posto di lavoro, il sostegno ai progetti di sviluppo della comunità e il rispetto delle norme ambientali per affrontare problemi come l'inquinamento, l'abuso agrochimico e la corretta gestione dei rifiuti per la conservazione degli ecosistemi . In questo modo, il commercio equo e solidale autorizza aziende, lavoratori e consumatori a promuovere la giustizia nella catena di approvvigionamento del nostro mondo.


Annuncio pubblicitario

Sono nato in una famiglia di operai laboriosi, sia dagli Stati Uniti che dal Nicaragua. Mentre trascorrevo la mia infanzia nelle campagne del Nicaragua e nel centro multiculturale della Bay Area, ho avuto anche la benedizione di viaggiare per il mondo con attivisti del commercio equo e solidale e mio padre. Per il mondo, Paul Rice è CEO e fondatore di Fair Trade USA; ma per me, Pop è sempre stato un mentore di supporto e un papà amorevole che è molto eccitato per i nostri viaggi di shopping a Whole Foods. Nella nostra casa, sono stato cresciuto con il commercio equo e solidale come norma. Mio padre ha offerto a mio fratello ea me una visione di un mondo in cui la nostra azione è importante, in cui abbiamo un ruolo da svolgere nella costruzione di una società globale più giusta ed equa. I miei genitori hanno sempre sostenuto le nostre passioni e ho trovato gran parte delle mie nei movimenti del lavoro e ambientali come il commercio equo e solidale.

Per gentile concessione di Camila Rice-Aguilar

Ciò che è speciale per me del movimento del commercio equo e solidale è il suo approccio all'empowerment: autorizza le aziende a essere responsabili dei loro produttori e sostenere prodotti di qualità che non sono dannosi per l'ambiente; autorizza i lavoratori convalidando il loro lavoro e la loro dignità fornendo loro strumenti e opportunità; e autorizza i consumatori come me - che spesso si sentono incredibilmente disconnessi dalle persone che producono cibo e beni - per creare connessioni con i nostri produttori e utilizzare il nostro dollaro per fare una differenza sostanziale nella vita delle persone e nell'ambiente.

Come studente delle superiori, ero ansioso di condividere questo concetto di empowerment e potere d'acquisto istituzionale con i miei colleghi che spesso si lamentavano della mancanza di mezzi reali per essere efficaci attivisti sociali. In quel momento, ho scoperto le campagne del commercio equo e solidale - un movimento di base che collega attivisti nelle scuole, nelle congregazioni e nelle città di tutto il paese per fare campagne per un commercio equo e uno sviluppo sostenibile. Ho lanciato una campagna alla Berkeley High School in California e alla fine siamo diventati la 23a scuola ufficiale del commercio equo e solidale della nazione nel 2015. Il nostro team si è concentrato sull'introduzione di prodotti del commercio equo e solidale nel campus e sulla sensibilizzazione sul consumismo consapevole e le catene di approvvigionamento sostenibili attraverso l'insegnamento in classe - ins ed eventi pop-up.

Dopo la laurea e il passaggio alla Brown University, ho contribuito a fondare la Fair Food Campaign della nostra università; stiamo lavorando con l'iniziativa Campes and Universities Campes e Università e altri gruppi di sostenibilità nel campus per promuovere una cultura del consumismo coscienzioso e sostenibile. Mentre collaboriamo con la facoltà di ristorazione, speriamo di aumentare l'accesso al commercio equo e ai prodotti provenienti da equità per gli studenti e il personale.


la mamma di violetta charlie e la fabbrica di cioccolato
Annuncio pubblicitario
Per gentile concessione di Camila Rice-Aguilar

Attraverso queste campagne, ho capito quanto potere collettivo abbiamo come consumatori, e specialmente come studenti, per organizzare e sostenere un mondo migliore. Ci sono innumerevoli movimenti credibili per unirsi nei campus e oltre - sia che tu doni, ti offri volontario o ti mobiliti fisicamente. Eppure, la forma più semplice di attivismo si trova nel tuo portafoglio.

La bellezza del commercio equo è la scelta. Potresti spendere mensilmente in cappotti di moda veloce da fabbriche non sicure e di sfruttamento in Bangladesh, oppure puoi acquistare un pile Patagonia certificato Fair Trade che garantisce ai lavoratori un salario equo in un ambiente di lavoro sicuro. Dall'abbigliamento ai beni per la casa, puoi scegliere West Elm per i tappeti del commercio equo e solidale che offrivano opportunità economiche durature ai tessitori. È possibile acquistare rose da una fattoria di fiori del commercio equo e solidale che elimina l'uso di pesticidi dannosi per la salute della terra e dell'agricoltore. Nel cibo, hai ancora più opzioni: da frutta e verdura del commercio equo e solidale, a zucchero, cioccolato, tè, caffè, frutti di mare e altro ancora.

Queste aziende progressiste e la vasta gamma di prodotti ci rendono molto più facile il consumo coscienzioso cercando l'etichetta certificata del commercio equo e solidale. Molto spesso, i beni del commercio equo e solidale corrispondono anche ai prezzi dei prodotti concorrenti non certificati; poiché gli standard del commercio equo e solidale assicurano prodotti di alta qualità, il costo riflette il valore di un prodotto più sostenibile, durevole o più gustoso a vantaggio del produttore e dell'ambiente. Per tutti questi motivi, i consumatori come noi ottengono non solo prodotti di qualità, ma anche la consapevolezza che il nostro acquisto nel commercio equo e solidale ha contribuito al miglioramento del sostentamento dei produttori e della sostenibilità ambientale in tutto il mondo.

In un mondo tormentato dal cambiamento climatico e dalla disuguaglianza, la battaglia per la riforma ambientale e i diritti dei lavoratori invita tutti noi a contribuire ora. Sapere come spendere il tuo dollaro fa davvero molta strada.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Savage X Fenty era tutto ciò che la sfilata di moda di Victoria's Secret doveva essere